Manuale di rieducazione della scrittura

di Chantal Thoulon-Page
e Florence de Montesquieu
thoulon
  • Prima edizione italiana: 2016
  • Pagine: 270
  • Formato: 16 x 23 cm
  • Isbn: 97888-98967-18-6
  • Prezzo di copertina: € 20,00
  • Sconto online: -15%
  • Prezzo di vendita online:  € 17,00
 

Collana

La collana Età evolutiva e rieducazione della scrittura è dedicata ai bambini, agli adolescenti e a chi si prende cura di loro: genitori, nonni, insegnanti… Particolare attenzione è data al segno grafico in età evolutiva.

Bisogna arrivare ai primi del Novecento perché finalmente l’infanzia smetta di essere considerata come un “male necessario” e si riconosca che il bambino è un essere diverso dall’adulto, con le proprie leggi di sviluppo. Fino ad allora nei disegni infantili si consideravano errori da correggere la mancanza di proporzione o l’uso improprio del colore "senza capire che comprendere il significato di tali “errori” vuol dire capire quali siano le necessità e gli interessi del bambino in quel momento" (A. Oliverio Ferraris, Il significato del disegno infantile). Allo stesso modo si riteneva che la “brutta scrittura” fosse segno di svogliatezza o incapacità, mentre oggi sappiamo che gli elementi presenti in una scrittura disturbata devono essere considerati dei piccoli (o grandi) “segnali di allarme” attraverso cui il bambino può manifestare il suo disagio.

Un discorso a parte merita la disgrafia, un disturbo specifico dell’apprendimento che si verifica in assenza di problemi neurologici o intellettivi, e si manifesta come difficoltà a riprodurre sia i segni alfabetici, sia quelli numerici. Le cause sono molteplici e strettamente interconnesse: il bambino disgrafico si scoraggia rapidamente quando vede che i suoi sforzi non servono a niente, e se non si interviene rapidamente il rischio è il rifiuto in blocco della scrittura con conseguenze dannose per il tutto il processo di apprendimento scolastico.

La rieducazione della scrittura mira al decondizionamento delle cattive abitudini che si sono instaurate nella scrittura disturbata. Tutto il lavoro procede separando la forma dal significato: la scrittura viene cioè ricondizionata su nuove basi partendo dall’esecuzione di forme prescritturali semplici e poi sempre più complesse su cui si lavora curando la pressione, la velocità, il ritmo e la precisione, attraverso una serie di esercizi e tecniche messe a punto da psicologi e neuropsichiatri come J. de Ajuriaguerra, M. Auzias, R. Olivaux.

Titoli già pubblicati da Epsylon Editrice nella collana Età evolutiva e rieducazione della scrittura:

Libro

Frutto di numerosi anni di riflessione e di pratica nel campo della rieducazione, questo libro si inserisce nel solco di un lavoro d’équipe centrato sul trattamento delle disgrafie, esaminando in dettaglio la nascita del gesto grafico, le condizioni in cui esso si evolve e le possibilità di recupero in caso di problemi.

La grafoterapia ripercorre il lavoro pedagogico che normalmente precede l’apprendimento della scrittura e mette a disposizione del bambino il “modello calligrafico” che egli poi personalizzerà a suo piacimento: non è infatti minimamente ipotizzabile praticare una rieducazione selvaggia imponendo al bambino una scrittura che non gli appartiene.

Per quest’ultima edizione largamente arricchita e ampliata, le autrici, attente ai recenti sviluppi delle neuroscienze riguardo alle interazioni tra cervello e mano, hanno focalizzato la propria revisione sulle attuali tecniche diagnostiche relative alle carenze della scrittura e sulla presentazione di vari test convalidati a cui gli specialisti della scrittura infantile possono fare ricorso: BHK Bambini e Adolescenti, ADE, ecc.

E’ un manuale didattico che apre nuovi spunti di riflessione a tutti coloro che si interessano della scrittura infantile e adolescenziale: rieducatori, naturalmente, ma anche insegnanti, pedagoghi, ortofonisti, psicomotricisti, ergoterapeuti, grafologi, ecc.

Un lavoro del genere mancava. È una guida sicura per i professionisti della rieducazione, uno strumento di lavoro metodico e preciso. Con questa originale ricerca, un vuoto è stato finalmente colmato” (R. Olivaux).

 

3sponsor

Autrici

Chantal Thoulon-PageChantal Thoulon-Page ha esercitato come dietologa per vent’anni nel corso dei quali ha pubblicato numerosi libri destinati ai medici per i quali teneva corsi di formazione post-universitaria. Dopo aver conseguito il diploma di grafologa presso la Société Francaise de Graphologie e la specializzazione nella scrittura del bambino, ha contribuito alla formazione di moltissimi rieducatori sia nella regione di Parigi che a Lione nell’ambito della GGRE (Groupement des Graphothérapeutes-Rééducateurs d’Écriture). Attualmente in pensione, è presidente onorario dell’associazione Graphydis e continua ad occuparsi di pedagogia della scrittura.

Florence de MontesquieuFlorence de Montesquieu è grafoterapeuta e da una decina d’anni esercita privatamente ricevendo nel suo studio bambini, adolescenti e adulti con difficoltà di scrittura. È anche docente nei corsi di formazione per rieducatori organizzati dall’associazione Graphidys di Parigi, ed ha scritto numerosi articoli relativi ai problemi di scrittura.